Ricciocaprese

Eccellenza napoletana nel mondo

Ricciocaprese nasce dalla storica azienda napoletana Majello, fondata nel 1867, già nota per le famose porcellane di Capodimonte.

 

La lunga storia di successo parte da Alfonso Majello, giovane di ottima estrazione, figlio di Notai, che dopo essersi innamorato ed aver sposato la figlia di un artista, si appassiona all’arte, divenendo grande conoscitore delle ceramiche di Capodimonte e della sua lavorazione.

L’onoreficenza di Cavaliere del Lavoro, conferita ad Alfonso Majello nel 1897, testimonia la sua levatura e la rilevanza del lavoro da lui svolto, con costante dedizione e passione. La passione per l’artigianato viene trasmessa di padre in figlio: prima allo scultore Lucio Majello e oggi al figlio Fabio, mantenendo viva una tradizione di pregio e di eccellenza.

Ed è proprio con Fabio, nipote di Alfonso Majello, che nasce Ricciocaprese, un marchio in grado di combinare con perfetto equilibrio, tradizione e modernità.

Nasce Ricciocaprese

Dalla combinazione delle doti imprenditoriali di Fabio, delle capacità ed intuizioni artistiche della moglie Imma e della bellezza sacra di Capri, nasce il prestigioso Riccio in ceramica, che in breve tempo si trasforma in icona dell’isola.

 

Fabio e Imma, così, danno vita a Ricciocaprese, un marchio in grado di combinare, in perfetto equilibrio, tradizione e innovazione.

La modernità delle creazioni Ricciocaprese, dimora nel passato e riesce a raccontare, dopo un secolo di attività, l’eccellenza dell’artigianato partenopeo nel mondo.